Bando Imprenditoria Femminile Regione Veneto – Anno 2023

 

Con delibera di Giunta regionale del 6 febbraio 2023, n. 115 è stato approvato il nuovo bando per l’erogazione di contributi alle PMI a prevalente partecipazione femminile e alle professioniste.

Novità dell’edizione 2023 è il riconoscimento tra i soggetti beneficiari della misura delle donne professioniste, a cui è riservata una quota delle risorse stanziate.

 

OGGETTO

Promuovere e sostenere le piccole e medie imprese (PMI) a prevalente partecipazione femminile nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e dei servizi nonché le attività professionali esercitate da donne, operanti in forma singola, associata o societaria, al fine di rafforzare e arricchire il tessuto imprenditoriale.

 

BENEFICIARI

Sono ammesse alle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese dei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e dei servizi e le professioniste, che rientrano in una delle seguenti tipologie:

  • imprese individuali il cui titolare è una donna residente nel Veneto da almeno due anni;
  • società di persone o società cooperative in cui la maggioranza dei soci è costituita da donne residenti nel Veneto da almeno due anni o la maggioranza delle quote di capitale è detenuta da donne residenti nel Veneto da almeno due anni;
  • società di capitali in cui la maggioranza dei componenti dell’organo di amministrazione è costituita da donne residenti nel Veneto da almeno due anni o la maggioranza delle quote di capitale è detenuta da donne residenti nel Veneto da almeno due anni;
  • consorzi costituiti per almeno il 51% da imprese femminili;
  • professioniste iscritte agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali, residenti da almeno due anni in Veneto. In caso di professioniste operanti in forma associata, l’Associazione professionale o lo Studio associato devono essere costituiti in maggioranza da donne residenti nel Veneto da almeno due anni:

 

  • associazioni professionali o studi associati di professionisti, anche iscritti al REA, con atto costitutivo registrato all’Agenzia delle Entrate alla data di presentazione della domanda;
  • società tra professionisti;
  • società di professionisti o di ingegneria;
  • società tra avvocati;

 

Tali requisiti devono:

  • sussistere alla data del 20 gennaio 2023;
  • permanere dopo la presentazione della domanda sino al termine di tre anni successivi alla data del decreto di erogazione del contributo

 

RISORSE DISPONIBILI

La dotazione finanziaria è di 2.300.000 euro, di cui 500.000 per le professioniste.

 

ATTIVITÀ AMMISSIBILI

Sono ammissibili i progetti di supporto all’avvio, insediamento e sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali e i progetti di rinnovo e ampliamento dell’attività esistente.

Il progetto ammesso all’agevolazione deve essere concluso ed operativo entro il termine perentorio del 18 dicembre 2023 e comunque entro la data di presentazione della domanda di saldo, se precedente.

 

SPESE AMMISSIBILI

Per le PMI (escluse le professioniste operanti in forma societaria):

  • macchinari, impianti produttivi, hardware, attrezzature;
  • arredi nuovi di fabbrica (limite massimo di 15.000 euro);
  • negozi mobili: per le imprese che svolgono l’attività di commercio su aree pubbliche, sono agevolabili gli acquisti del mezzo di trasporto nuovo di fabbrica o a “km zero”, con il relativo allestimento interno. Potrà essere agevolato anche il solo allestimento interno su un mezzo di trasporto di proprietà;
  • autocarri furgonati a esclusivo uso aziendale (spesa forfettaria di 10.000 euro);
  • opere murarie e di impiantistica (limite massimo di 10.000 euro);
  • spese per la realizzazione di impianti a fonti rinnovabili: sono agevolabili nel limite massimo di 8.000 euro per impianti fino a 20 kW e di 20.000 euro per impianti superiori a 20 kW;
  • software e realizzazione di sistemi e-commerce (limite massimo di 10.000 euro);
  • spese generali (spesa forfettaria di euro 3.500 euro) riferite ad esempio a spese per l’acquisto di brevetti, licenze, know-how o di conoscenze tecniche non brevettate, banche dati, ricerche di mercato, campagne promozionali anche tramite social network, acquisizione e realizzazione di spot TV e radio, brochure, locandine, volantini o similari, canoni, locazioni e fitti, energia, spese telefoniche, etc;
  • spese per la riqualificazione e il potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza (limite massimo di 16.000 euro):

 

  • collegamenti telefonici, telematici ed informatici strettamente finalizzati al collegamento degli impianti di sicurezza con centrali di vigilanza;
  • sistemi di videosorveglianza o videoprotezione;
  • sistemi telematici antirapina integrati, conformi a quelli previsti da protocolli d’intesa con il Ministero dell’Interno; sistemi antifurto, antirapina o antintrusione ad alta tecnologia
  • sistemi di allarme con individuazione satellitare collegati con le centrali di vigilanza;
  • casseforti o armadi blindati;
  • cristalli antisfondamento;
  • inferriate, serrande e porte di sicurezza;
  • sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito);
  • dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna, connessi all’impiego di protezioni che consentono la vista dell’interno.

 

Per le professioniste, operanti in forma singola, associata o societaria:

  • macchinari, impianti produttivi, hardware, attrezzature;
  • arredi nuovi di fabbrica (limite massimo di 5.000 euro);
  • opere murarie e di impiantistica (limite massimo di 3.000 euro);
  • software e realizzazione di sistemi e-commerce (limite massimo di 4.000 euro);
  • spese generali (spesa forfettaria di 2.000 euro):

 

Le spese devono essere sostenute e pagate dal 1° gennaio 2023.

 

Non sono ammesse le domande di partecipazione in cui l’investimento previsto comporti spese ammissibili per un importo inferiore a 20.000 euro per le PMI e a 12.000 euro per le professioniste, operanti in forma singola, associata o societaria.

 

 

CONTRIBUTO

L’agevolazione, nella forma di contributo a fondo perduto, è pari al 30% della spesa:

  • per le PMI (escluse le professioniste operanti in forma societaria):
  • nel limite massimo di 51.000 euro corrispondenti a una spesa rendicontata ammissibile pari o superiore a 170.000 euro;
  • nel limite minimo di 6.000 euro corrispondenti a una spesa rendicontata ammissibile pari a 20.000 euro;
  • per le professioniste operanti in forma singola, associata o societaria:
  • nel limite massimo di 12.000 euro corrispondenti a una spesa rendicontata ammissibile pari o superiore a 40.000 euro;
  • nel limite minimo di 3.600 euro corrispondenti a una spesa rendicontata ammissibile pari a 12.000 euro.

Le agevolazioni sono concesse ai sensi e nei limiti del Regolamento “de minimis”.

 

 

MODALITÀ DI PRESENTAZIONE

I contributi sono concessi sulla base di procedura valutativa con procedimento a graduatoria.

Le domande dovranno essere compilate e presentate per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU) della Regione del Veneto, dalle 10.00 del 16 febbraio 2023 alle 12.00 dell’8 marzo 2023.

image_pdfScarica il PDF